Amarcord

(Amarcord)

Regia: Federico Fellini

DRAMMATICO, CLASSICI RESTAURATI - 1973, 125 minuti
IL FILM E' DISPONIBILE NELLE SEGUENTI VERSIONI
Digitale - in versione italiana , Digitale - in versione originale sottotitoli inglese
"Se si uniscono 'amare', 'core', 'ricordare' e 'amaro', si arriva a Amarcord", diceva Fellini. Esattamente vent'anni dopo avere raccontato la storia di una fuga dalla provincia in I vitelloni, l'autore ritorna in quel piccolo mondo, ricostruendo gli ambienti della sua adolescenza a Cinecittà e a Ostia. Ma, significativamente, evita di inserire nella folla dei personaggi un 'doppio' di se stesso. Infatti la famiglia che vediamo rievocata nel film è quella dell'amico d''infanzia Titta Benzi e intorno a lui pullula un'umanità descritta con tinte sanguigne e linee grottesche (soprattutto i rappresentanti delle istituzioni, il clero e i gerarchi fascisti), con tenera sensualità (Gradisca) e un'ironia al tempo stesso affettuosa e graffiante. La vitalità delle figure che popolano il film (compresa l'emarginata ninfomane Volpina) cela una sotterranea, profonda malinconia (l''amaro' sopra citato). Il piccolo borgo romagnolo degli anni Trenta rievocato nel film, riassume una delle più penetranti immagini dell'Italia secondo Fellini: un piccolo mondo immaturo e conformista, succube di un regime becero e mistificatore, o tristemente impotente di fronte alle sue violenze. (Roberto Chiesi) Disponibile un'edizione speciale con 8 minuti di outtakes montate da Giuseppe Tornatore.
Vorresti vedere questo flm, ma non ci sono eventi nulla tua città? Organizza tu la proiezione, è semplice.