Film in catalogo

Ecco i film Movieday usciti nell'ultimo anno. Cerca quello per il tuo evento da proiettare al cinema.

Te lo dico pianissimo

Pasquale Marrazzo
2018, 93 min
Cicci, un uomo sulla cinquantina, gentile nei modi e nell’animo, si ritrova, a seguito della scomparsa della sua ex moglie Dolores, dalla quale era separato da diversi anni,  a dover gestire l’affidamento dei suoi due figli gemelli di 17 anni: Sara e Matteo. Cicci da oltre 15 anni vive con il suo compagno Nikolas, idraulico di sani principi etici e morali. La convivenza fra i due viene messa a dura prova dalla decisione delle sorelle di Cicci, capeggiate da Giuditta, di trasferirsi nella loro casa per “proteggere” i nipoti dai comportamenti a rischio di “immoralità” della coppia omosessuale. L’amore che tiene uniti Nikolas e Cicci, li costringe a subire “soprusi e abusi”, da parte delle tre sorelle che viste da molto vicino, sono mosse da motivazioni tutt’altro che sane, dal semplice desiderio di frammentare l’ equilibrio che la coppia ha costruito nel tempo. Infatti Cicci, seppur per un breve periodo, per cercare di tenere a bada Giuditta, che “ama il fratello come un figlio”, allontana da casa  il suo compagno. La casa è abitata anche dal “fantasma” di Dolores che si è stabilito in bagno e da lì parla con tutta la famiglia e a suo modo “consiglia” anche Cicci, al quale era ormai legata da amore “fraterno”. Giuditta nel frattempo compie un percorso interiore intenso e quando scopre “la verità” che riguarda i nipoti capisce che l’amore va guardato da tante angolazioni. La sua visuale non è necessariamente quella giusta e non può manovrare la vita degli altri, ma solo cercare un nuovo modo di relazionarsi con loro rispettando l’amore nella giusta misura in cui deve esistere. Cicci e Nikolas dimostrano, durante tutto il percorso del film, di sapersi fare da parte per dare importanza alle persone che in quel momento meritano maggior attenzione. Loro sono sicuri del loro amore e dell’amore verso i “loro” figli.
SCHEDA FILM

Il Principe di Ostia Bronx

Raffaele Passerini
2017, 75 min
ATTENZIONE: questo film è rivolto a spettatori che hanno fallito almeno una volta nella vita. Dario e Maury, due attori rifiutati dal teatro, dall’Accademia e dal cinema, decidono di trasferire il proprio palco sulla spiaggia gay nudista di Capocotta, vicino a Ostia, Roma. Qui arriva gente che ha voglia di sentirsi libera, di non avere regole. Grazie alla perseveranza della loro poetica, che vede nel fallimento una nuova forma di vittoria, Dario e Maury si guadagnano, in 20 anni, l’affetto di un pubblico fedele, assieme ai titoli di Principe e di Contessa. Estate dopo estate, i due inventano e filmano un vasto repertorio di scene in cui brucia l’amara mancanza di un palco vero, “che solo i signori, i grandi geni italiani, sono autorizzati a calcare”. Questo film celebra, in modo irriverente, il fallimento come parodia, rendendo chiunque lo desideri un Principe o una Contessa, almeno per un giorno. IL PROGETTO Il Principe di Ostia Bronx è un lavoro sperimentale dai toni folk e kitsch accompagnato da musiche inedite che vanno dal pop, alla disco, all’elettronica. Un repertorio di brani inediti firmati da Rossano Baldini - in collaborazione col regista (che ne co-firma e canta alcuni pezzi) – che dialogano con alcuni gioielli della musica d’autore italiana e internazionale, da Antonello Venditti, a Pierangelo Bertoli, a Gala. Un film ultra-low budget che, dopo essere stato pluripremiato al Biografilm Festival di Bologna, riesce miracolosamente ad approdare nell sale cinematografiche italiane.
SCHEDA FILM