Il Rebus presenta

Dettagli dell'evento:
SVOLTO
MAR 31 MAG 2016 - 21:00
Plinius
Milano

Il sangue verde

Regia di: Andrea Segre

DOCUMENTARIO - 2010, 60 minuti
Promosso da Il Rebus

MAKE IT POSSIBLE Prenotate i biglietti online... l'evento si farà solo se si prenotano un po' di biglietti entro il 24 maggio. Chi prenota online paga di meno ed è amato di più :) Maggio è il mese che omaggia i LAVORATORI. Maggio è il mese che celebra la Giornata Mondiale della LIBERTA' DI STAMPA e della DIVERSITA' CULTURALE. Maggio è il mese che commemora la Giornata Mondiale dell'AFRICA. Maggio è un mese significativo e vogliamo salutarlo con un evento speciale, al cinema, per ricordare i fatti accaduti a Rosarno nel non lontano gennaio 2010. Abbiamo pensato di organizzare la proiezione di un bellissimo film diretto da Andrea Segre, "Il Sangue Verde", prodotto da ZaLab e patrocinato da Amnesty International - Italia. La voce dei braccianti africani che nel gennaio 2010 manifestarono a Rosarno contro lo sfruttamento e la discriminazione: 7 volti, 7 storie e un'unica dignità. PERCHE'? Chi ci conosce sa che la vicenda di Rosarno è una storia molto sentita in casa REBUS. A modo nostro e con i nostri mezzi, abbiamo tentato di renderla nota, di ricordarla, mettendo in musica una poesia di Adriano Sofri, "Nei ghetti d'Italia questo non è un uomo", scritta in occasione della così detta "rivolta". Qualche tempo fa siamo venuti a conoscenza di questo grande documentario: abbiamo contattato la casa di produzione, intercettato il regista e organizzato la proiezione su Movieday. Adesso tocca a voi! CHE COSA FAREMO? Ci guarderemo il film, comodamente seduti al Plinius Multisala di Milano. Faremo due chiacchiere con Andrea Segre, lasciando spazio a tutte le vostre domande. E prima di salutarci, vi faremo ascoltare dal vivo il brano che ci lega così tanto a questa storia. Il sangue verde è prodotto in Italia da ZaLab, coprodotto da Aeternam Films e Jolefilm. Il film è patrocinato dalla Sezione italiana di Amnesty International. Premio ACRA del Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina 2011. Secondo posto al Mediterraneo

TRAMA

Le storie dei protagonisti delle manifestazioni di Rosarno, che nel Gennaio 2010 hanno portato alla luce le condizioni di degrado e ingiustizia di migliaia di braccianti africani. Dagli anni ’90 in poi in Italia, in particolare in alcune aree del Sud con forte presenza di organizzazioni mafiose, migliaia di immigrati africani e dell’est Europa sono sfruttati come braccianti agricoli senza alcun tipo di diritto e in condizioni di vita intollerabili. A Rosarno in particolare, dove il potere della ‘Ndrangheta è cresciuto moltissimo negli ultimi anni fino a portare al commissariamento per mafia del Comune, gli immigrati sfruttati nella raccolta delle arance sono anche oggetto di intimidazioni e minacce da parte di piccole bande di stampo mafioso. Per oltre dieci anni gli immigrati africani hanno cercato di denunciare pacificamente questa situazione, come ben racconta nel film Giuseppe Lavorato, ultimo sindaco di Rosarno che tentò di opporsi al potere della ‘Ndrangheta. Un racconto in prima persona che, alternato alla memoria storica rappresentata dalle ricostruzioni di Giuseppe Lavorato e dalle immagini di documentari sul lavoro di contadini italiani nel Meridione degli anni ’60, riporta al centro dell’attenzione la dignità e il coraggio di centinaia di ragazzi, che dalle loro terre di origine si sono messi in viaggio per salvare o cambiare la loro vita.

Dettagli dell'evento:
SVOLTO
MAR 31 MAG 2016 - 21:00
Plinius
Milano